domenica 28 marzo 2010

SALITA DA 19 KM.

Il Lago d'Orta con la strada che sale dal versante di Armeno

Le alpi innevate sullo sfondo(ma la neve c'era anche quì)


La cima del Mottarone con le sue antenne










Oggi ritrovo alle 8 per andare a scalare il mitico Mottarone,salita che per i ciclisti della zona è un vero e proprio "must".Insieme a Frenk,Luca e Matteo ci dirigiamo verso Borgomanero dove ci troviamo con Marzio,Max,Mario,Adriano e Giuseppe.Prendiamo la direzione del lago dove, dopo averlo costeggiato per una decina di km ad andatura sostenuta,svoltiamo a sx per una deviazione sulla salita di Calogna, 6 km. al 6% fatta a 17 km/h di media con un 50/19 ,piccolo antipasto di quello che ci aspetta più avanti.Picchiata verso Stresa e dopo qualche km di piano svoltiamo di nuovo a sx dove comincia la salita che ci porterà ai 1400 mt. del Mottarone in 19 km con un dislivello di 1179 mt.Salita che nella prima parte fino all'abitato di Levo è molto regolare(pendenza media del 6,2% ),ma dopo Gignese sale a gradini con strappi anche del 15-16%,e con gli ultimi 4 km. che hanno una pendenza media del 10%.Comunque scalata in 1h 17 min.alla media di 15 km/h.Arrivati al bivio con la strada che sale dall'altro versante il panorama è stupendo,in giornate limpide come oggi si possono vedere il Lago Maggiore,il Lago d'Orta,il Lago di Varese,il Lago di Monate,il Lago di Comabbio e persino gli appenini Liguri all'orizzonte,veramente uno spettacolo.Dopo aver indossato la mantellina giù in picchiata fino ad Omegna dove abbiamo iniziato l'ultima salita(pedalabile) fino all'abitato di Cesara,fatta tutta di rapporto intorno ai 20/22 km/h.Da quì fino a casa abbiamo trovato un fastidiosissimo vento contrario che a contribuito non poco a svuotare le gambe delle ultime energie rimaste.Totale di giornata 125 km. 2010 mt. di dislivello a 26,2 km/h di media.Finalmente una bella giornata di sole,e adesso sotto con gli allenamenti serali.......
E se volete saperne di più sul Mottarone.....

12 commenti:

  1. Bel giro e grande salita. Adesso con il cambio dell'ora e il clima mite cominciamo un po tutti a divertirci.

    RispondiElimina
  2. gli ultimi km del mottarone.. corrispondono agli ultimi 9.5 km del manghen: pendenza media 10%..
    complimenti. Per essere a marzo è una bella salita lunga.. e sopratutto 1h15' sotto sforzo..

    RispondiElimina
  3. Cavolo gran bella salita mi piacerebbe anche a me farmi una salita cosi lunga,solo che dopo un po inizio a soffrire.

    RispondiElimina
  4. Non ho mai fatto il Manghen ma mi piacerebbe molto,mi piacciono le salite lunghe.....

    RispondiElimina
  5. Ciao Mardok,la sofferenza è una cosa normale da affrontare quando fai salita,bisogna conviverci e pensare che anche gli altri stanno facendo la tua stessa fatica se non di più......

    RispondiElimina
  6. Oh, son contento della mia ora e 25'allora...!!! Anche se alla fine confesso che mi è apparsa la Madonna... Discesa a rotta di collo e crono fino a casa ma... non ho evitato le minacce di divorzio... Dura la vita dei ciclisti part time...
    Marzio

    RispondiElimina
  7. Ci siamo passati tutti Marzio,tieni duro alla fine cedono........

    RispondiElimina
  8. bellissime strade.le ho fatte in auto,ma avrei voluto pedalarle,chissà magari in futuro.
    ciao roby.

    RispondiElimina
  9. Se vieni su io sono quà.....ti faccio da guida.
    Ciao.

    RispondiElimina
  10. X marco: e' che dopo un po in salite molto lunghe inizio a patire con la schiena.

    RispondiElimina
  11. Ho anch'io problemi di schiena(vertebre schiacciate)ma fortunatamente in bici mi allungo e sto bene,ho più dolore quando stò dritto in piedi.....

    RispondiElimina