domenica 30 maggio 2010

GRANFONDO STOCKALPER











Stamattina ci troviamo io Frenk,Luca e Matteo per la granfondo Stockalper,gara impegnativa di 164 km. e 2800 mt. di dislivello.Durante il tragitto fino a Santa Maria Maggiore,luogo di ritrovo e partenza della corsa,nuvole minacciose e qualche scroscio di pioggia ci accompagnano,e anche durante il ritiro pacco gara e i preparativi per la partenza,(e pure in griglia)giove pluvio non ci risparmia.Quindi alle 10 partenza bagnata con una prima salita pedalabile lunga 5 km. per scremare un pò il gruppone.Successiva discesa da prendere con la dovuta cautela,in un tratto in galleria di 1,5 km. ho visto il garmin segnare 85 km/h anche se su garmin connect non lo vedo segnato.In fondo non piove più e l'asfalto è quasi asciutto,quindi via mantellina e manicotti. Mi trovo in un gruppo dove si mena di brutto per cercare di riprendere il secondo gruppo che ci precede,impresa che riesce a circa una quindicina di km. dall'imbocco della seconda salita di Bieno,corta ma con tratti di pendenza a due cifre.Successiva discesa fatta forte,e dopo pochi km. svolta secca a sx e via con la terza salita di Unchio-Ungiasca,pedalabile nella prima parte ma rognosa negli ultimi 3 km. con pendenza media dell'8,6% .


Discesa afrrontata in testa al gruppo(tutte le discese oggi le ho affrontate così......giocavo in casa e le conoscevo benissimo),e arriviamo in fondo al bivio dei percorsi,il medio a dx e il lungo diritto verso la selvaggia valle Intragna di una bellezza unica,anche se oggi non ho fatto in tempo a guardarmi molto in giro.Primi km. pedalabili,poi le pendenze diventano più dure fino al paese di Aurano,dove inizia il tratto finale di 6 km. con pendenza media del 9,5% e con tratti al 16%.Quì trovo Sabrina capoclassifica della categoria F1 della coppa Piemonte stranamente da sola senza nessuno che la aiutasse,e così decido di darle una mano,visto che la conosco bene(abita a 5 km. da me).Ho praticamente fatto il gregario fino all'arrivo,passandole l'acqua incitandola a non mollare e così via.Nella discesa dell'Alpe Segletta all'uscita di un tornante brutta sorpresa c'è un corridore a terra ,c'è già l'ambulanza,guardo bene,indossa la divisa Schaeffler,mi fermo subito ,è Luca che è caduto da solo,gli chiedo come sta,è cosciente ma lamenta un dolore intenso alla spalla,purtroppo non ha il numero di telefono per avvertire i suoi che sono al traguardo,così dopo essermi sincerato per bene che non avesse nient'altro sono ripartito.Discesa fatta a tutta per riportarmi su Sabrina che riagguanto sulla salita di Bieno fatta dall'altro versante,quì si forma un gruppetto di una ventina di unità molto utile per affrontare i successivi 33 km. di leggero falsopiano in salita.La collaborazione però è scarsa,tiriamo praticamente in 4 e quando passo in testa cercando di aumentare l'andatura si staccano e così si cerca di trovare un'andatura più regolare consona a tutti.Arriviamo così ai piedi della penultima salita, quella di Trontano 4 km. al 6,3% dove cerco di salire con un ritmo regolare per non staccare Sabrina.In cima nuovo tuffo su di una discesa molto tecnica ma con fondo stradale sconnesso e sede strettissima con curve cieche.In fondo neanche il tempo di rifiatare che si sale di nuovo,ultima salita,quella che al mattino abbiamo affrontato in discesa,8 km. al 5% ma con tratti al 12-13%,specialmente il chilometro e mezzo in galleria.......eterno non finiva più.In cima si apre un paesaggio stupendo,quello della val Vigezzo,e ormai dal traguardo ci separano solo un paio di km. che facciamo a tutta.


Arrivo al traguardo in 05:56:25 137°ass 41° di cat. a 27,89 km/h di media,soddisfatto per aver avuto gambe fino alla fine e anche per aver aiutato Sabrina a mantenere la maglia di leader di categoria.Dall'altra parte invece sono molto dispiaciuto per Luca,che molto probabilmente verrà operato alla spalla martedì,per lui stagione finita,ma l'importante è che non si sia fatto qualcosa di più serio,la discesa dove è caduto è molto veloce e poteva andare anche peggio.A lui i miei più sinceri auguri di pronta guarigione,forza Luca che ritorni più forte di prima.

9 commenti:

  1. Bravo Marco, a quanto pare sei anche un ottimo gregario... Certo che al Luca non gliene va bene una: prima un incidente a dir poco raro, adesso questa... Ma ci ha abituati a grandi ritorni!!
    Forza Luca!!
    Ci vediamo mercoledì, ciao
    Marzio

    RispondiElimina
  2. Ciao Marzio x mercoledì credo una cosa indolore,Omegna,caffè al bar e a casa in tranquillità,così sono contente anche le mogli....

    RispondiElimina
  3. bravo marco,ottima prestazione vedo e ti sei preso il lusso di fare anche da gregario,bravo anche per il piazzamento del tutto onorevole.

    RispondiElimina
  4. Grazie Roby,per i miei standard sono più che soddisfatto,mi sono divertito,io non potrei mai ambire a posti in classifica più alti,mi accontento di poco.

    RispondiElimina
  5. Grande Marco il ciclista butta il cuore oltre l'ostacolo, tu ne hai anche per gli amici e per il gentil sesso. Bravo sei un SIGNORE.
    Saluta Luca e portagli i miei auguri.

    RispondiElimina
  6. Sembrero' veniale, ma almeno potevi mettere una foto di questa Sabrina :O)))))
    Scherzo. Ciao simone

    RispondiElimina
  7. Alberto Team Botteon Viner31 maggio 2010 11:24

    Ero con Luca e un altro paio di ciclisti quando abbiamo scollinato l'Alpe Segletta.
    Nelle discesa ero davanti quando ho sentito alle spalle il rumore della caduta del tuo compagno.
    Mi spiace mandagli un saluto e un augurio di pronta guarigione.

    RispondiElimina
  8. Grazie Alberto lo saluterò sicuramente da parte tua,adesso è un pò giù e dice di non voler fare più gare,ma dopo una caduta penso sia normale dire così,è capitato anche a me,ma poi la voglia di tornare a gareggiare prende il soppravvento.

    RispondiElimina
  9. Ciao Simone,magari prima o poi le faccio una foto e la posto.....No dai c'è la privacy....

    RispondiElimina